NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

28 settembre 2017

A Udine da martedì prossimo la Sezione “Organo” del prestigioso Premio Nazionale delle Arti

Martedì prossimo 3 ottobre giungerà a compimento un progetto da tempo auspicato e atteso dal Conservatorio di Musica di Udine, istituzione da decenni ai vertici della didattica organistica italiana; si tratta di un evento di primario spessore artistico nazionale che vede il “Tomadini” prescelto per ospitare la Sezione “Organo” della XII edizione del Premio Nazionale delle Arti promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - Direzione Generale per lo Studente, lo Sviluppo e l’Internazionalizzazione della Formazione Superiore. Il concorso è riservato agli studenti d’Organo delle Istituzioni e dei corsi accreditati nel sistema AFAM regolarmente iscritti negli anni accademici 2015/2016 e/o 2016/2017 e che alla data del 3 ottobre 2017 non abbiano compiuto 35 anni; la prestigiosa competizione, aperta al pubblico, si svolgerà al grande organo Mascioni-Zanin del Conservatorio di Udine e si articolerà in una fase eliminatoria, programmata nei giorni 3 e 4 ottobre, e in una fase finale, riservata a cinque candidati selezionati, che si terrà nella mattinata di venerdì 6 ottobre; nello stesso giorno, alle ore 14.30, verrà proclamato il vincitore del Premio Nazionale delle Arti - Sezione “Organo” che sarà invitato a tenere un concerto nell’ambito del X Festival Organistico Internazionale Friulano “G. B. Candotti”. La giuria nominata dal MIUR e coordinata dal prof. Beppino Delle Vedove, sarà presieduta dal maestro Ludger Lohmann e formata dal maestro Francesco Di Lernia, direttore del Conservatorio “U. Giordano” di Foggia e dal maestro Ruggero Livieri, docente di Organo al Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo. I candidati iscritti provengono oltre che dal “Tomadini”, dall’Istituto Superiore di Studi Musicali di Caltanissetta e dai Conservatori di Como, Cosenza, Frosinone, Genova, Matera, Milano, Venezia e Verona.

 

20 settembre 2017

Concerto dedicato alla fisarmonica classica in omaggio al compositore russo Vladislav Solotarëv

La classe di fisarmonica classica del prof. Adolfo Del Cont al Conservatorio di Udine realizza il suo primo importante progetto didattico e culturale con un concerto che si terrà in sede sabato prossimo, 23 settembre alle ore 18. L’occasione è data dal settantacinquesimo anniversario della nascita del compositore russo Vladislav Solotarëv, nato a De Kastri nel Chabarovsk nel 1942, scomparso trentatreenne nel 1975 e considerato tra i maggiori musicisti russi nel settore della fisarmonica Bayan, vero e proprio riformatore della tecnica e del linguaggio compositivo dello strumento. Il prof. Adolfo Del Cont e i promettenti allievi Martina Spollero e Maurizio De Luca proporranno una selezione di alcuni capolavori per fisarmonica sola del compositore: due movimenti da Partita n. 1, Sonata n. 2 in quattro movimenti, Suite n. 6 (Mattino d’inverno, Al paese, Cornamuse, Crepuscolo, Danza campestre) e Rapsodia spagnola. Martina Spollero e Maurizio De Luca, da anni allievi del prof. Del Cont, si sono affermati in mumerosi concorsi nazionali per fisarmonica tenutisi a Erbezzo (VR), S. Marco in Lamis (FG) e Timau (UD) e hanno partecipato a seminari e Masterclasses con alcuni tra i maggiori fidarmonicisti a livello mondiale, Jean Louis Noton, Roman Pechmann, Viatcheslav Semionov, Aleksander Skliarov, Peter Soave e Mary Tokarski.

 

11 settembre 2017

Il chitarrista Alejandro Cordova vince il primo premio al Concorso Internazionale “Francisco Tarrega”

Alejandro Cordova, ex studente del Conservatorio “J. Tomadini” ove ha conseguito il diploma accademico di secondo livello nella classe del maestro Stefano Viola, ha vinto uno dei più importanti concorsi a livello mondiale tra quelli che riguardano le sei corde e che possono imprimere una svolta sostanziale alla carriera concertistica; si tratta del prestigioso Concorso Internazionale dedicato al chitarrista e compositore spagnolo Francisco Tarrega, competizione conclusasi venerdì scorso 8 settembre a Benicásim, comunità autonoma Valenciana (Spagna). Il concorso, membro della Federazione Mondiale dei Concorsi Internazionali UNESCO, ha visto la partecipazione di una ventina di concorrenti provenienti da Spagna, Germania, Italia, Corea, Messico, Croazia, Romania, Siria, Cuba e Israele; nel corso della fase finale svoltasi al Teatro Municipal, confrontandosi con il coreano Deion Cho, il rumeno Mircea Gogoncea e l’ucraino Marko Topchii, Alejandro Cordova ha prevalso grazie all’esecuzione di Concierto del Sur di Manuel Ponce con l’Orchestra Sinfonica di Valencia, aggiudicandosi, oltre al premio di 12.000 euro, l’incisione di un CD e una tournée di cinque concerti da tenersi in territorio iberico. Ultimo italiano ad aggiudicarsi il prestigioso premio è stato nell’anno 2009 il friulano Adriano Del Sal, ora docente all’Università di Vienna e acclamato concertista, anch’egli formatosi per lungo tempo nella classe del maestro Stefano Viola al “Tomadini”.